Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Space X, rientrati i primi turisti spaziali: l'ammaraggio della capsula al largo della Florida

Uccelli giovedì 21 settembre 2017 ore 12:11

Torna a volare l'aquila ferita dal bracconiere

La liberazione dell'aquila un mese dopo il ferimento. Foto: Maurizio Biancarelli (Wwf)

Curata e rimessa in forma, ha ripreso il volo libera ma ancora con alcuni pallini di piombo nel cranio e nel collo: non è stato possibile estrarli



GENGA (ANCONA) — Pur se ancora con alcuni pallini di piombo nel cranio e nel collo, impossibili da togliere senza provocare danni neurologici, è tornata a volare libera - a un mese esatto dal ferimento - l'aquila colpita a fucilate da un bracconiere lo scorso 19 agosto ai confini del Parco Gola della Rossa e di Frasassi. Si tratta di un rapace giovane: nato proprio nel parco, aveva spiccato il suo primo volo giusto nel mese di luglio.

Ad agosto, poi, il ferimento: l'aquila era stata recuperata in gravi condizioni dai volontari dall'Enpa. Curata dalla clinica veterinaria Sant'Anna di Fabriano, poi alimentata e controllata per un mese nelle voliere del Centro recupero rapaci del Parco gestito dal Wwf, finalmente è arrivata a raggiungere una condizione tale da poter tornare libera. 

Adesso l'aquila verrà monitorata grazie all'impianto radio satellitare di cui è stata dotata. "La speranza - scrive il Wwf in una nota in cui annuncia anche la propria costituzione di parte civile contro il feritore - è che il giovane esemplare possa tornare a volare insieme ai propri genitori, l’unica coppia di aquila reale presente nella provincia di Ancona, storica per il parco".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli

Attualità

CORONAVIRUS

CORONAVIRUS

Politica

-->