QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
sabato 25 maggio 2019

Attualità giovedì 18 aprile 2019 ore 17:53

Pet terapy, qui si vota per l'asino

Si chiama "Un asino in fattoria" il progetto che le associazioni "Do Re Miao!" e Arcisolidarietà Valdera stanno cercando di realizzare



PALAIA — Negli ultimi decenni la relazione uomo-animale si è sostanzialmente modificata e si è affermata la consapevolezza che da tale relazione l’uomo - in particolare bambini, persone anziane e coloro che soffrono di disagi fisici e psichici - può trarre notevole giovamento. Più comunemente definiti interventi di pet therapy, gli "Interventi assistiti con gli animali" riguardano progetti in cui si riconosca - attraverso il coinvolgimento dell’animale - una leva di efficacia e un guadagno di cura in situazioni in cui le consuete proposte riabilitative già in essere risultino deficitarie, poco coinvolgenti o poco incisive.

Dall’incontro delle associazioni Do Re Miao! e Arcisolidarietà Valdera è nato un breve ciclo di cinque incontri di Educazione Assistita con gli Animali, che si sono svolti nell’autunno del 2018 presso la Fattoria dei Barbari, a Partino di Palaia. 

"Si è trattato di un progetto-pilota - spiegano gli organizzatori - rivolto a un piccolo gruppo di giovani ragazzi con disabilità inseriti nel Progetto Solidarietà, gestito da Arcisolidarietà Valdera. Gli obiettivi individuati per tale percorso sono stati: incrementare la conoscenza del cane e degli altri animali presenti in Fattoria; svolgere le normali mansioni di accudimento degli animali; imparare i rudimenti dell’educazione cinofila di base e le tecniche di conduzione del cane in un semplice percorso ad ostacoli".

"A conclusione dell’esperienza - proseguono -, visto il gradimento dei ragazzi coinvolti e i risultati raggiunti, si è così deciso di proseguire la proficua collaborazione, mettendo in piedi un progetto che prevede l’allestimento di un’asineria, l’adozione di due asini e l’avvio di un programma di Educazione Assistita con gli animali rivolto a giovani ragazzi con disabilità residenti in Valdera già inseriti nelle attività realizzate dall’associazione Arcisolidarietà. Ma i beneficiari del progetto sarebbero anche tutti gli altri utenti della Fattoria: bambini in visita con le loro famiglie, anziani e gruppi classe in gita, gruppi di studio, i gruppi scuola in gita presso la fattoria".

L'asino non è esattamente un "pet", un piccolo animale domestico come un cane o un gatto, ma l'esperienza pilota dice che l'accudimento del simpatico quadrupede può dare grandi soddisfazioni. "Riteniamo che rendere competenti i soggetti sia una priorità e questo passa attraverso una stimolazione che deve far leva su motivazioni profonde - ci dicono in proposito -, cosa che spesso gli animali rappresentano. Siamo convinti che approfondire un percorso di relazione con gli animali della Fattoria in termini di presa in carico delle mansioni ordinarie di accudimento rappresenti un’occasione unica per tanti ragazzi di sentirsi capaci e importanti nello svolgere un compito".

Do Re Miao! e Arcisolidarietà si stanno impegnando a cercare fonti di finanziamento per l’implementazione del progetto. Per questo hanno partecipato al bando di “Aviva Community Fund”, nella categoria “Sostegno alla Salute” col progetto “Un asino in Fattoria”. Solo i sette progetti più votati della categoria accederanno alla fase finale, dove saranno valutati da una giuria imparziale che assegnerà i premi; le votazioni sono cominciate lo scorso 3 aprile e si chiuderanno il 7 maggio 2019 alle 18. 

Una volta registrati sul sito si hanno fino a 10 voti a disposizione da dedicare al progetto: https://community-fund-italia.aviva.com/voting/progetto/schedaprogetto/40-299 .

Qui sotto il video del progetto "Un asino in Fattoria".

Un asino in fattoria


Tag