comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Toscana Media News
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
mercoledì 05 agosto 2020
corriere tv
Lo straordinario ritorno delle tartarughe Caretta Caretta in Cilento

Attualità lunedì 08 luglio 2019 ore 11:25

Caretta Caretta, cosa fare in caso di avvistamento

Probabile una seconda nidificazione a pochi chilometri dalla prima. La raccomandazione è quella di contattare immediatamente la Capitaneria di porto



BIBBONA — Quella scoperta il 25 giugno sulla spiaggia di Marina di Cecina è la prima nidificazione di caretta caretta del 2019 rinvenuta in Toscana.

"Dagli studi sulle abitudini e i comportamenti in possesso della comunità scientifica - si legge sul sito del Comune di Bibbona- è probabile che possa realizzare una seconda nidificazione, anche a distanza di 4 chilometri dalla prima".

Per informare e sensibilizzare il più possibile turisti e cittadini, il comandante della Capitaneria di porto Domenico Guarino, la docente di Ecologia e conservazione dell’Università di Siena e coordinatrice dell’Osservatorio toscano per la biodiversità Letizia Marsili e l’assessore all’ambiente Enzo Mulè hanno incontrato gli operatori del turismo, a cui è stato consegnato un vademecum con consigli e buone pratiche da apporre negli stabilimenti balneari e attività ricettive. “Per anticipare gli eventi serve l’aiuto di tutti e la prima cosa da fare è monitorare le tracce lasciate sulla spiaggia, che sono simili a quelle lasciate da un cingolato – ha spiegato la professoressa Marsili – e capire il perimetro dello scavo, delimitandolo provvisoriamente, senza infilare nulla nella sabbia per evitare di rompere le uova. Il pericolo principale per le nidificazioni della tartaruga di mare è costituito dalla pulizia meccanica della spiaggia. Nella zona è stato riscontrato un unico caso di doppia nidificazione, nella spiaggia di Rosignano, e in quel caso la tartaruga si è spostata di pochi metri. Nulla toglie, però, che possa andare lontano di 4 miglia dal luogo della prima nidificazione”.

“Motivo in più per monitorare il nostro litorale e le nostre spiagge perché potrebbero essere scelte per la nidificazione in qualsiasi momento – ha sottolineato Mulè – dalla tartaruga marina".

"Raccomandiamo a tutti, cittadini e turisti, di avvisare il proprietario dell’area o concessionario dell’avvenuta nidificazione e contattare immediatamente la Capitaneria di porto, che darà seguito alle procedure previste in questi casi. Altrettanto importante restare in silenzio – ha concluso Mulè – e non fotografare frontalmente la tartaruga o utilizzare il flash per non disturbare o interrompere la nidificazione”.



Tag