QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
lunedì 20 gennaio 2020

Attualità sabato 14 dicembre 2019 ore 12:33

​Una città molto amica degli animali

L'annuale classifica di Legambiente ha riconosciuto Prato tra le più virtuose, insieme a Modena e Verona, in tema di tutela e servizi



PRATO — Prato amica degli animali. L'annuale classifica Animali in città di Legambiente ha riconosciuto Prato tra le tre città più virtuose, insieme a Modena e Verona, in tema di tutela e servizi agli animali.

La classifica è stata stilata sulla base di 34 indicatori forniti da 1162 città. In particolare Prato è al primo posto per l'organizzazione e i servizi offerti sia agli animali che vivono con i loro padroni sia a quelli abbandonati. "Questo premio riconosciuto a Prato da Legambiente è frutto di un lavoro che porta oggi la città ad avere servizi efficienti per chi ha animali e per sostenere gli animali abbandonati e per questo ringrazio del lavoro fatto negli anni sia da parte dell'amministrazione sia dall'associazionismo - sottolinea l'assessore alla Città curata Cristina Sanzò -. Certamente è anche un premio che ci carica di responsabilità perché vogliamo migliorare per far crescere ulteriormente il livello dei servizi".

In particolare a far salire in vetta alla classifica nazionale sono 12 indicatori tra i quali l’approccio proattivo dell’Ente in relazione alla promozione della sensibilizzazione, all’anagrafe canina e felina e alla formazione dei proprietari di cani mordaci; la presenza, organizzazione e attività di canili e gattili, la gestione di cani liberi controllati e il piano di monitoraggio delle colonie feline e la sua attuazione. Oltre alla messa in atto di azioni per prevenire e ridurre i conflitti tra animali liberi e attività antropiche.

"Certamente è necessario continuare a lavorare per consolidare questi risultati e soprattutto per far crescere la consapevolezza nei cittadini di un rispetto nei confronti degli animali - conclude l'assessore Cristina Sanzò -. Il Comune interviene con molteplici strumenti nel contrasto dei maltrattamenti o degli abbandoni, ma le persone devono essere consapevoli che chi decide di avere un cane o un gatto se ne deve assumere la responsabilità".



Tag