comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
mercoledì 28 ottobre 2020
corriere tv
Coronavirus, l'allarme di Walter Ricciardi: «Il nuovo Dpcm non è sufficiente, servono lockdown locali»

Attualità venerdì 25 settembre 2020 ore 09:32

Cinghiali, "gli altri sindaci seguano Barbi"

Foto di repertorio

Legambiente Arcipelago toscano chiede di nuovo che l'Elba sia area non vocata al cinghiale e invita gli altri sindaci a seguire il sindaco di Marciana



PORTOFERRAIO — "Con la lettera inviata a Regione, Prefetto e Parco Nazionale, il sindaco di Marciana Simone Barbi ha finalmente messo sul tavolo la questione della revoca dell’area vocata al cinghiale all’Isola d’Elba, incredibilmente istituita un paio di anni fa dalla Regione Toscana su pressione delle associazioni venatorie. Un investimento politico che tra l’altro si è dimostrato clamorosamente sbagliato visto che, come hanno dimostrato alcune dichiarazioni e iniziative in campagna elettorale e i risultati delle elezioni regionali, i cacciatori hanno "ringraziato" la Regione votando in massa per la Lega e Fratelli d’Italia".

Si apre così una nota di Legambiente Arcipelago toscano che già in precedenza aveva sollecitato le istituzioni a muoversi per far abolire l'area elbana come vocata al cinghiale.

"Ma, come fa notare il Sindaco di Marciana, una questione trattata per troppi anni politicamente è invece un gigantesco problema di tutela della biodiversità, - prosegue Legambiente - del territorio e dell’economia agricola e turistica ed è bene che la nuova Giunta Regionale ammetta al più presto il clamoroso errore fatto e torni indietro. Solo così si potrà avviare – su basi scientifici e nel modo meno cruento e più veloce possibile – una forte riduzione della insostenibile pressione di animali invasivi introdotti a scopo venatorio per poi arrivare all’eradicazione e a ristabilire l’equilibrio ecologico distrutto da una fallimentare gestione venatoria degli ungulati".

"Il sindaco e la giunta di Marciana hanno dimostrato lungimiranza e coraggio, - sottolinea Legambiente - consapevoli che la stragrande maggioranza degli elbani non vuole essere più vittima di un errore compiuto da una minoranza sempre più piccola, ora anche gli altri sindaci abbandonino ogni furbizia e complicità e chiedano anche loro l’abolizione immediata dell’Area vocata al cinghiale e l’avvio di un progetto insulare di contenimento, riduzione ed eradicazione della popolazione di ungulati invasivi importati per scopi venatori."   



Tag