comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Toscana Media News
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
giovedì 01 ottobre 2020
corriere tv
Tensioni Turchia-Grecia, Di Maio: «Incoraggiare Ankara a una soluzione condivisa»

Attualità domenica 06 settembre 2020 ore 13:45

Cinghiali, "subito piano unitario di contenimento"

Cinghiali a bordo strada ad Ortano, Rio (foto di repertorio)

A chiederlo è Legambiente Arcipelago toscano che fa appello ai Comuni elbani e alla Regione Toscana affinché presentino un progetto al ministro Costa



ISOLA D'ELBA — "L’ennesimo e grave incidente stradale causato – a detta dei carabinieri - da un cinghiale (leggi qui l'articolo) porta drammaticamente e nuovamente all’attenzione un problema che da ecologico, agricolo ed economico sta diventando ormai anche di pubblica sicurezza".

Legambiente Arcipelago toscano chiede ai Comuni elbani e alla Regione Toscana di intervenire in modo unitario.

"Legambiente Arcipelago Toscano - si legge nella nota - formula i più sinceri auguri di guarigione all’uomo infortunato e trasportato in codice rosso in elicottero all’ospedale e non può che far notare che si tratta dell’ultimo episodio di una serie infinita di segnalazioni di invasioni di coltivazioni, sfondamento di reticolati – come gli ultimi segnalati nel riese – e di cinghiali pericolosamente vicini alle abitazioni di quest’estate, mentre seno sempre più evidenti le tracce di scavo degli ungulati intorno ai centri abitati e lungo le strade provinciali. Una situazione devastante per la biodiversità insulare e per quel che resta dell’agricoltura, creata da animali introdotti come bersaglio da tiro e che sono sfuggiti di mano a una gestione venatoria che, di fatto, non c’è mai stata e che ha portato solo al loro proliferare per facilitare la caccia".

"Una situazione non più tollerabile e che sta mettendo a rischio l’incolumità delle persone. - prosegue Legambiente - Nella sua recente visita all’Elba, il ministro dell’ambiente Sergio Costa, preso atto dell’impegno messo in atto dal Parco Nazionale per il contenimento dei cinghiali e della richiesta pressante dello stesso Parco e di Legambiente e Coldiretti per l’eradicazione degli ungulati invasivi introdotti dai cacciatori ha detto che è disponibile a finanziare progetti di forte riduzione dei cinghiali proposti dalle amministrazioni comunali. Progetti mai avanzati e dei quali non si vede ancora traccia".

"L’ennesimo incidente e le continue segnalazioni di agricoltori e cittadini dimostrano quanto sia stata mal meditata e sbagliata la decisione di dichiarare l’Elba area vocata per il cinghiale. E’ l’ora di finirla! Chiediamo – insieme a molti altri - ai candidati elbani alle elezioni regionali di dire cosa vogliono fare per arrivare a prima a una forte e rapida limitazione della presenza invasiva dei cinghiali e poi alla loro eradicazione. E sarebbe bene che non riproponessero come novità le ricette fallimentari del passato, o che a curare la malattia sia chi l’ha propagata. Ai sindaci e alle Amministrazioni comunali elbane chiediamo di pronunciarsi nettamente contro l’area vocata e di presentare al Ministro dell’Ambiente e alla Regione un piano – possibilmente unitario e scientificamente basato - per la radicale e rapida diminuzione del numero dei cinghiali e per la difesa dell’agricoltura e della biodiversità. - conclude Legambiente -Tutto il resto sono chiacchiere che servono solo a mantenere la pericolosa e insostenibile situazione creata da chi crede di potersi continuare a divertire a danno di tutta un’isola". 



Tag