comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Toscana Media News
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
venerdì 10 luglio 2020
corriere tv
Mose, Conte attiva le paratoie dalla control room: al via l'innalzamento delle dighe

Cronaca giovedì 30 gennaio 2020 ore 12:24

Dopava uccelli da richiamo, allevatore nei guai

Sequestrati un centinaio di volatili tra merli, tordi e cesene. Operazione dei carabinieri forestali. Trovate reti non consentite per la caccia



MONTELUPO FIORENTINO — Il doping esiste anche per gli uccelli da richiamo, hanno detto i carabinieri forestali, per introdurre un'operazione portata a termine in un allevamento di Montelupo Fiorentino.

L'inchiesta - condotta dai carabinieri forestali di Empoli, di Firenze e del Nipaaf (Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale) in collaborazione con due inanellatori e un medico veterinario, è iniziata da un controllo effettuato in un allevamento di avifauna, adibito a richiami vivi per l’esercizio venatorio.

Dal controllo della forestale è emerso che in uno dei locali adibiti all'allevamento il titolare dell'allevamento deteneva "all'interno di un frigorifero numerosi farmaci, sia ad uso veterinario che umano, fra i quali alcuni ad effetto dopante" hanno spiegato i militari.

"Per la detenzione di tali farmaci - hanno aggiunto - non veniva attestata la lecita provenienza, ma veniva riferito verbalmente che questi venivano utilizzati per un progetto scientifico sperimentale. Tale progetto non è però mai stato autorizzato a norma della legislazione vigente sulla sperimentazione animale, quindi non era giustificabile in nessun modo la presenza di tali farmaci rinvenuti nell’allevamento. Inoltre non è stata riscontrata e fornita nessuna documentazione attestante le prescrizioni dei farmaci da parte di medici veterinari, né da parte di medici per i farmaci ad uso umano".

Vista la situazione, i militari, sentito il magistrato d’urgenza della Procura della Repubblica di Firenze, hanno eseguito una perquisizione nei locali nella disponibilità del titolare dell'allevamento, "trovando altri farmaci dopanti e reti da uccellagione che sono mezzi di caccia non consentiti"

Sono stati così sequestrati documenti, i farmaci, le reti da uccellagione e oltre cento fra tordi, merli e cesene. Gli uccelli sono stati poi trasferiti presso un centro specializzato.

Il titolare dell’allevamento è stato denunciato per maltrattamento di animali attraverso la somministrazione di sostanze dopanti, esercizio abusivo della professione medico veterinaria, e minacce rivolte ad un Ufficiale dell’Arma nel corso delle operazioni. 



Tag