Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
venerdì 03 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
L'accorato appello di Ornela: «Contratti di lavoro da 750 euro? Uno schiaffo. Smettiamo di accettare paghe da fame»

Politica giovedì 09 settembre 2021 ore 13:10

Canile e soccorso animali, "convenzione strana"

Andrea Gelsi, capogruppo di Capoliveri Bene Comune

Andrea Gelsi, capogruppo di Capoliveri Bene Comune, interviene sulla questione del canile comprensoriale elbano e sulle scelte dell'amministrazione



CAPOLIVERI — "Nel corso del Consiglio comunale del 31 luglio, al quale ero assente per questioni personali, è stato approvato all’unanimità lo schema di convenzione tra il Comune di Capoliveri e l’Associazione Enpa Sezione Isola D’Elba per la gestione degli animali vaganti sul territorio per il triennio 2021-2023". 

Si apre così un intervento di Andrea Gelsi, ex sindaco di Capoliveri e capogruppo del gruppo di minoranza Capoliveri Bene Comune, in merito al progetto del canile-gattile comprensoriale elbano e del pronto soccorso veterinario, di cui è capofila il Comune di Capoliveri.

"Il Comune di Capoliveri, - prosegue Gelsi -dunque, sbatte la porta in faccia alla volontaria che da anni opera sul suo territorio e che ha fatto miracoli, potendo contare solo su contributi pubblici sporadici e modesti. Nessuna riconoscenza, nessuna considerazione per l’immenso lavoro svolto fino ad oggi anche grazie alla NetAP, soprattutto sul campo della sterilizzazione dei randagi e delle adozioni. Nel merito, la prima cosa che salta agli occhi è la durata della convenzione, fissata in tre anni". 

"Dobbiamo quindi presumere che l’iter per la realizzazione del canile comprensoriale e annessa clinica veterinaria H24, resterà bloccato ancora per lungo tempo, dato che proprio il Comune di Capoliveri, Capofila della Gestione associata per la realizzazione del Canile comprensoriale e pronto soccorso H24, stipula una Convenzione che prevede una durata così lunga. - aggiunge Gelsi- D’altronde, la pietra tombale sul finanziamento della Fondazione Bastet è stata posta proprio in coincidenza con l’insediamento del nuovo Sindaco e con la frequente presenza dei rappresentanti Enpa presso il nostro Comune". 

"Evidentemente, i numerosi incontri del sindaco con le associazioni animaliste per ascoltare le istanze del territorio, dei quali non ha reso alcun conto, neppure a seguito di una interrogazione a risposta scritta presentata dal nostro Gruppo, hanno dato buoni frutti, almeno all’Enpa. - sottolinea Gelsi -  La convenzione prevede una spesa annua di ben 12.950 euro, che rispetto a quella sostenuta dalle precedenti amministrazioni è davvero molto onerosa. Tralasciando la genericità degli scopi dichiarati, “contenere il randagismo, l’abbandono di animali, favorire pratiche di adozione, garantire assistenza e cure per gli animali randagi, segnalazioni di maltrattamenti”, nella sostanza il servizio affidato prevede la cattura, la custodia, il mantenimento e l’assistenza veterinaria dei cani vaganti sul territorio. In passato, tale servizio era stato affidato ad un canile del continente e l’amministrazione comunale pagava soltanto nel caso di effettivo ritrovamento di cani vaganti e conseguente ricovero presso la struttura in questione". 

"Oggi, invece, - rimarca Gelsi - il Comune pagherà a prescindere dal numero effettivo di animali trovati. Considerato che al massimo, negli anni scorsi, si sono verificati un paio di ritrovamenti all’anno di cani effettivamente abbandonati e che il recupero di cani vaganti di proprietà si risolve al massimo nell’arco di poche ore, è evidente la totale sproporzione della spesa rispetto all’effettivo fabbisogno. Tra l’altro, leggendo la convenzione, pare che il pagamento delle somme concordate avvenga a prescindere dalle spese effettivamente sostenute e documentate dall’Enpa, ma soltanto dietro presentazione di relazioni trimestrali sull’attività svolta, in evidente violazione della normativa vigente. La convenzione prevede anche il censimento delle colonie feline e la sterilizzazione gatti randagi". 

"Oggi che dopo diversi anni è finalmente ripartito il servizio per la sterilizzazione delle colonie feline da parte della Asl, il Comune utilizza soldi pubblici per acquisire un servizio già erogato a titolo gratuito da un altro Ente Pubblico? Non sarà il caso che il Comune riveda i termini di questo accordo?", conclude Gelsi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un gattino intossicato dal fumo è stato soccorso dai vigili del fuoco. I pompieri sono intervenuti per un pericolo di incendio in appartamento
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità

-->