comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Toscana Media News
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
domenica 05 luglio 2020

DUE CHIACCHIERE IN CUCINA — il Blog di Sabrina Rossello

Sabrina Rossello

Due nomi due terre d’origine: la Toscana dove sono nata e cresciuta e la Sicilia da dove è partita la mia famiglia e di cui ho respirato tutte le molecole! Due mondi culinari diversi ma entrambe ricchi di sapori colori e cultura! È multipla anche la mia formazione: diplomata geometra, poi Architettura, a 40 anni per passione iscritta a Biologia e nel frattempo corsi di cucina, di wedding e tanta, tanta pratica come personal chef ed oggi sono esperta di cucina gluten free e di cucina salutare sulla basi scientifiche della dieta mediterranea. Nel 2015, ho inaugurato la mia scuola di cucina e di educazione alimentare. Ho scritto 2 libri: “Ti cucino una Storia” e “A tavola con noi – ricette gustose per umani e per cani” ed ho partecipato alla “Prova del cuoco” su Rai 1 e più volte ospite a “Tadà” su RTV38

Polpette di lenticchie con aquafaba

di Sabrina Rossello - lunedì 10 febbraio 2020 ore 11:32

La ricetta che vi propongo è sicuramente un modo gustoso e simpatico per magiare legumi. La vera curiosità però sta nell’”aquafaba”, che nella cucina vegana, sostituisce la funzione dell’albume montato a neve; in questo caso è un ottimo addensante. Il procedimento è un po' lungo, ma ne vale la pena.

Se vi siete incuriositi e volete saperne di più potete cliccare https://www.sabrinarossello.it/aquafaba-cosa-come-e-perche/ sul mio sito www.sabrinarossello.it

POLPETTE DI LENTICCHIE CON *AQUA FABA E POLENTINA AL FORNO

*aquafaba

Si tratta semplicemente dell’acqua di cottura dei legumi (principalmente ceci e fagioli) si può usare anche quella dei legumi in barattolo di vetro che si comprano già cotti. Questa, montata con delle fruste elettriche, assume una consistenza morbida e “schiumosa” che ricorda quella degli albumi d’uovo montati a neve.

Come si fa

Versare l’acqua del legume cotto in una ciotola capiente e iniziare a montarla con una frusta a mano o elettrica, oppure con la planetaria o con un robot da cucina, fino a quando diventerà una spuma bella soda e soprattutto ferma. A seconda dello strumento utilizzato ci vorranno dai 2 ai 5 minuti circa.

Ingredienti per le polpette per 4 persone

  • 200 g di lenticchie
  • 1 cucchiaio di semi di lino
  • 1 tazza di aquafaba montata a neve (o quanto basta per rendere l’impasto elastico)
  • 1 spicchio di aglio
  • 20 gr di pane integrale grattato
  • 1/2 bicchiere di acqua
  • 1 scalogno
  • 20 gr di olio di oliva evo (circa 2 cucchiai da minestra)
  • Sale e peperoncino

Preparazione

Lessare le lenticchie il giorno prima, scolarle, lasciando una tazza di acqua di cottura per fare l’aquafaba, e farle continuare a scolare in frigorifero per 24 ore; sempre il giorno prima, macinare i semi di lino con un macinino (ideale quello per il caffè, oppure un mixer a lama piccola adatto per i semi) poi una volta macinati verranno ricoperti con poca acqua e lasciati anch’essi riposare.

Il giorno dopo mettere nel mixer le lenticchie belle asciutte, uno spicchio di aglio, sale q.b. e frullare bene.

Montare a neve la tazza di acqua di cottura delle lenticchie conservata in frigo.

Trasferire il composto in un recipiente ed aggiungere: i semi di lino, il pangrattato, un cucchiaio di olio evo, l’aquafaba ed aggiustare di sale.

Mescolare bene e quando la consistenza sarà bella compatta iniziate a formare le polpette di lenticchie.

In una padella, con un filo di olio evo, fare stufare un trito di scalogno, un pizzico di peperoncino, aggiustare di sale e lasciare cuocere circa 10 minuti, aggiungere le polpette di lenticchie e far proseguire la cottura per altri 5 minuti a fuoco basso. Togliere dal fuoco e servire con crostini di polenta al forno

CROSTINI DI POLENTA

  • 200 gr di polenta già cotta

tagliarla a fettine di circa 1 cm di altezza e farle tostare in forno. 

Sabrina Rossello

Articoli dal Blog “Due chiacchiere in cucina” di Sabrina Rossello