comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Toscana Media News
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
lunedì 10 agosto 2020
corriere tv
Viviana Parisi, procuratore Cavallo: «Tutte le ipotesi sono aperte, cerchiamo ancora il bambino»

Attualità martedì 30 giugno 2020 ore 19:50

Nuovo virus influenzale scoperto nei maiali

Il nuovo ceppo è stato individuato da un gruppo di scienziati inglesi e cinesi ed è potenzialmente in grado di innescare una nuova pandemia



CINA — Ve la ricordate l'influenza suina? Nel 2009 l'Oms dichiarò l'allerta pandemica per il virus influenzale H1N1, invitando tutti gli Stati ad aggiornare i piani nazionali in modo da assicurare una pronta risposta a un'eventuale pandemia influenzale. In realtà quel virus si dimostrò meno letale del temuto, forse perchè simile ad altri virus influenzali circolati in precedenza contro i quali la popolazione aveva già sviluppato difese immunitarie, ma fece comunque vittime, anche in Toscana (vedi qui sotto gli articoli collegati).

Undici anni dopo, ci risiamo: un gruppo di studiosi inglesi e cinesi hanno scoperto in Cina, nei maiali, un nuovo ceppo virale che potrebbe innescare una nuova pandemia. Il virus è simile a quello del 2009 ma non identico, è stato chiamato G4 EA H1N1 ed è accertato che dal maiale può passare all'uomo: alcune persone che lavorano nelle industrie di lavorazione di carne suina in Cina hanno già contratto l'infezione e sviluppato una risposta anticorpale. Il timore degli scienziati è che possano avvenire altre mutazioni che lo rendano molto più pericoloso e trasmissibile non solo dai suini all'uomo ma anche da un umano a un altro umano (fatto quest'ultimo non ancora dimostrato). Mentre gli studi proseguono, l'unica certezza è che i vaccini contro il virus suino del 2009 non riescono a neutralizzare questo nuovo ceppo.

"Non abbiamo anticorpi contro questo nuovo virus - ha dichiarato il presidente della Società italiana ed europea di virologia Giorgio Palù - Serve agire subito per trovare un vaccino oppure cominciare a testare farmaci". Anche per non farsi trovare del tutto impreparati come è avvenuto con la pandemia di Covid-19 che ha messo in ginocchio il mondo.



Tag