comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Toscana Media News
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
giovedì 02 luglio 2020
corriere tv
Ragazzo scomparso ritrovato 8 anni dopo: il caso a «Chi l'ha visto»

Spettacoli mercoledì 19 luglio 2017 ore 17:20

Vieni qui che ti pinneggio una (prei)storia

Foto: PaleoAquarium

Viaggio a ritroso nelle ere geologiche e negli abissi nella mostra "PaleoAquarium, il mare al tempo dei dinosauri"



GENOVA — Percorrere gli abissi di ere geologiche passate utilizzando le tecnologie più avanzate: è l'inedito sposalizio della mostra PaleoAquarium, il mare al tempo dei dinosauri alla Galleria Atlantide dell'Acquario di Genova fino a fine marzo 2018. Realtà virtuale, 3D e video immersivi: non manca nulla nella prima mostra in Europa che si occupa degli animali marini preistorici.

L'evento è stato curato dai paleontologi Stefania Nosotti e Simone Maganuco e si snoda su 500 metri quadrati di spazio espositivo dove sono installate 5 ricostruzioni in dimensione reale a cui si aggiungono 315 metri quadrati di illustrazioni a parete in scala 1:1, tre esperienze multimediali, 10 postazioni di Realtà Virtuale. 180 secondi di video immersivo consentono poi un tuffo negli Oceani preistorici alla scoperta dei grandi predatori marini come Liopleurodon,Tylosaurus e Cryptoclidus.

Il percorso inizia all’esterno, nell’area del Porto Antico, con alcuni esemplari di animali marini preistorici che, grazie a installazioni anamorfiche, emergono dal pavimento. Punti forti dell’esposizione sono le ricostruzioni degli animali acquatici del passato: un esemplare del plesiosauro Cryptoclidus dal lungo collo, rettile acquatico estinto conosciuto dai più per aver ispirato la leggenda del mostro di Loch Ness. 

E poi il pliosauro Liopleurodon, strettamente imparentato con i plesiosauri, ma caratterizzato da collo breve e da fauci enormi; l’ittiosauro Ophthalmosaurus, che con la forma del suo corpo, lungo 4-5 metri, rimanda ai delfini dei giorni nostri; il calco di un cranio di Dunkleosteus, 'pesce' primitivo simile come morfologia esterna alle forme attuali, ma non imparentato con esse, che visse circa 370 milioni di anni fa, lungo circa 6 metri e pesante circa una tonnellata. Ultimo modello in mostra quello delle mascelle gigantesche del megalodonte (Charcharocles megalodon), lo squalo più grande che sia mai esistito. 

Monica Nocciolini
© Riproduzione riservata



Tag