QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
domenica 23 luglio 2017

Spettacoli lunedì 17 luglio 2017 ore 16:03

Animali emotivi, è il giorno delle emoji

Nella quarta giornata mondiale delle emoticons, viaggio nello zoo digitale che trova posto nella carrellata di faccine per le chat

ROMA — I due leocorni no: ancora non si vedono. C'è un unicorno, se dovesse fare lo stesso... Tutti gli altri però ci sono, nelle emoticons che le piattaforme su cui chattiamo e ci scambiamo ogni giorno milioni e milioni di messaggini. Serpenti, bruchi, bacherozzoli a vario titolo; cani, pulcini e porcellini; anatre, lupi, topi, scimmie in tutte le pose. E' uno zoo digitale quello coloratissimo con cui quotidianamente sintetizziamo i nostri chissacosa per dirsi chissache e di cui oggi ricorre la quarta giornata mondiale.

Proprio così: c'è una festa anche per loro, i pittogrammi dei messaggini. Ed è oggi. La quarta. Sono 2.666 le emoji ufficiali che equipaggiano smartphone e tablet. E se la più utilizzata al mondo in assoluto è la faccina che ride a crepapelle fino alle lacrime, inserita persino nei dizionari Oxford che nel 2015 la hanno eletta 'parola dell'anno', gli animali restano anche loro in piazzamenti decorosi tanto che la loro flotta aumenta.

Nell'ultimo aggiornamento, rilasciato per Android a inizio 2017, hanno fatto la loro comparsa nell'universo degli animali emotivi la volpe, la farfalla azzurra, l'anatra e il gufo, che sono andati ad aggiungersi a tutti gli altri tra cui il gorilla, il cervo, il rinoceronte, il pipistrello, l'aquila e il polpo oltre naturalmente al cagnolino con la macchia marrone sull'occhio, ai coniglietti e persino la colomba col ramoscello d'ulivo.

Chissà cosa avrà in serbo per il regno animale il prossimo aggiornamento, previsto per l'autunno con 56 nuovi pittogrammi freschi di standardizzazione da parte del Consorzio Unicode, che si occupa di renderli fruibili e leggibili in maniera univoca su tutti i dispositivi. Che arrivino i due leocorni?

Monica Nocciolini
© Riproduzione riservata