comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Toscana Media News
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
venerdì 03 luglio 2020
corriere tv
Ragazzo scomparso ritrovato 8 anni dopo: il caso a «Chi l'ha visto»

Cronaca mercoledì 27 maggio 2020 ore 17:53

Più di 1400 piccioni abbattuti in Valdinievole

Un piccione
Un piccione

La Provincia: "Procuravano danni ad aziende agricole e zootecniche dei Comuni di Ponte Buggianese e Monsummano". Abbattuti anche due cinghiali



PONTE BUGGIANESE — In due Comuni della Valdinievole, Ponte Buggianese e Monsummano Terme, sono stati abbattuti più di 1400 piccioni.

L'intervento è stato reso noto dalla Provincia di Pistoia che ha spiegato che i piccioni "procuravano danni ad aziende agricole e zootecniche dei comuni di Ponte Buggianese e di Monsummano Terme. Nell'ambito delle operazioni, nei comuni di Larciano e Quarrata sono stati abbattuti anche due cinghiali e a Quarrata un cinghiale è stato catturato con una trappola". Nello specifico i piccioni abbattuti sono stati 910 a Ponte Buggianese e 500 a Monsummano Terme.

"Gli interventi continueranno nei prossimi giorni fino al termine dei raccolti nelle aree agricole e, nelle aree urbane, fino alla risoluzione del problema" hanno aggiunto dalla Provincia. Si tratta di attività previste dalla legge regionale sulla caccia a tutela delle produzioni agricole per la prevenzione dei danni da fauna selvatica. Sono coordinate dalla Polizia Provinciale.

Gli interventi in questione risultano di particolare importanza per il rischio danni, temuto soprattutto in questo periodo di semine primaverili e di ripresa vegetativa dell’arboricoltura, dei vigneti e dei frutteti.

La Giunta Regionale ha stabilito che la Polizia Provinciale, nell’attuare gli interventi di controllo e contenimento della fauna selvatica, possa tornare ad utilizzare, oltre alle guardie venatorie volontarie, anche i cacciatori appositamente formati ed abilitati. Con la stessa delibera la Regione ha anche autorizzato la ripartenza della caccia di selezione, in forma individuale, nell’intero territorio regionale. Tutte le attività devono essere svolte nel rispetto delle misure di distanziamento previste dalla vigente normativa per il contenimento del Covid-19.



Tag