Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
mercoledì 16 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, ecco il momento in cui la trivella crolla: un uomo si salva correndo

Attualità giovedì 27 maggio 2021 ore 09:01

Tracce di tartarughe in spiaggia, l'appello

Come ogni anno Legambiente organizza il monitoraggio delle spiagge attraverso volontari per individuare eventuali nidi di tartarughe marine



ISOLA D'ELBA — "Chi trova un nido trova un tesoro", questo è lo slogan della Regione Toscana, per la sua campagna di sensibilizzazione e salvaguardia delle tartarughe marine , così importanti per la biodiversità.

Lunedi 7 giugno 2021 Legambiente Arcipelago Toscano in collaborazione con il Parco Nazionale Arcipelago Toscano riprenderà l'attività di monitoraggio delle spiagge sabbiose dell'Elba alla ricerca di nidi di tartarughe marine.

L'attività consiste in una salutare passeggiata la mattina presto, prima che arrivino le ruspe e dei rastrelli dei bagnini, alla ricerca delle caratteristiche tracce che le tartarughe marine lasciano sull'arenile quando depongono le uova.

Il monitoraggio verrà fatto dal gruppo ormai consolidato di volontari esperti e formati di Legambiente Arcipelago Toscano , ma anche quest'anno si conta sull'aiuto di elbane/i e turiste/i, che, anche se senza esperienza, vogliono essere protagonisti di un progetto di conservazione di questi affascinanti e misteriosi rettili preistoricii che nuotano nei nostri mari da più di cento milioni di anni.

Legambiente sta organizzando due corsi di formazione per i “Tartawatchers” volontari , uno si terrà on line il 28 maggio(info: legambiente@legambientepisa.it), l’altro si svolgerà in presenza presso l’Aula Verdeblu di Mola (lato Capoliveri) il 16 Giugno. Entrambi sono aperti a tutti coloro che si vogliono avvicinare al mondo delle tartarughe marine e vogliono imparare a riconoscerne le tracce.

Le due nidificazioni avvenute a Marina di Campo nel 2017 e a Straccoligno nel 2018, i tre tentativi di nidificazione dell’anno scorso (sono infatti state trovate le tracce a Lacona , al Lido di Capoliveri e a Marina di Campo), e l’aumento esponenziale di nidificazioni lungo le coste toscane ci fanno sperare in una stagione proficua, con tanti nidi, sia all’Elba che nelle altre isole dell’Arcipelago Toscano .

Le spiagge soggette al monitoraggio saranno: Marina di Campo, Cavoli, Seccheto, Fetovaia,Biodola, Lido di Capoliveri, Straccoligno e Lacona.

Chi volesse aiutarci a trovare un "tesoro" dal 7 giugno a metà agosto o partecipare ai corsi di formazione può rivolgersi a legambientearcipelago@gmail.com Isa cell. 3407113722.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

-->