QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
martedì 19 novembre 2019

Attualità sabato 01 luglio 2017 ore 19:06

Difendendo il toro, animalisti in piazza

La manifestazione di oggi. Foto: Kai Etxaniz (Facebook)

La prossima settimana appuntamento con la corsa dei tori nella città navarrese. Monta la protesta. Dalle corride lo 0,6 per cento del Pil



PAMPLONA (SPAGNA) — In Spagna estate fa ancora rima con los toros. L'università di Extremadura ha calcolato in 1,6 miliardi di euro - circa lo 0,6 per cento del Pil - il giro d'affari generato da corse dei tori e corride, settore che occupa 200mila persone. Ma se il business legato prevalentemente al turismo non accusa flessioni, sale anche la temperatura della protesta che oggi, a una settimana dai San Fermines di Pamplona, ha portato gli animalisti a occupare il centro del capoluogo della Navarra.

Hanno cantato. Hanno ballato. Hanno sfilato dietro agli striscioni in cui campeggiava un toro stilizzato e lo slogan "Non lasciarmi solo". Loro, gli animalisti, non mollano. Anche perché i sondaggi indicano che la popolazione spagnola non sarebbe più così affezionata a questa tradizione. Anzi: il 58 per cento dei cittadini sarebbe pronto a rinunciarvi, a fronte di uno zoccolo duro di tradizionalisti ormai ridotto al 19 per cento

Corride e corse, invece, non calano. Quasi ogni borgo ha le sue, che attirano turisti da tutto il mondo. E se a una tradizione discutibile e discussa molti potrebbero rinunciare, non così agli affari.



Tag