QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
lunedì 24 settembre 2018

Attualità sabato 01 settembre 2018 ore 15:30

Uccelli in gabbia, animalisti contro la Fiera

Tam tam via social e per email di un'attivista animalista contro la Fiera di Perignano, in svolgimento oggi e domani per il Settembre perignanese



CASCIANA TERME LARI — Gare cinofile e street food, ma anche uccelli in gabbia e gara di volatili da richiamo, oggi e domani alla Fiera di Perignano, tanto che alcune associazioni animaliste hanno lanciato una vera e propria crociata via social network per criticare e condannare la manifestazione.

Paola Re, nota attivista animalista, ha scritto a enti e istituzioni, Comune di Casciana Terme Lari compreso, perché si abbandoni una volta per tutte "questa tradizione schiavista per il bene di esseri umani e non umani".

"Ho appreso - scrive Re - dal calendario nazionale 2018 della F.I.M.O.V. (Federazione Italiana Manifestazioni Ornitologico-Venatorie) che il 2 Settembre a Perignano, frazione di Casciana Terme Lari (PI), si svolgerà una fiera del genere ispirata a tradizione, conservazione, addirittura tutela degli uccelli.

Le associazioni venatorie hanno inventato la figura del “cacciatore ambientalista” che crea equilibrio nella natura, ovviamente uccidendo, ma è molto diverso dal cacciatore assetato di sangue che uccide per divertimento. Il messaggio che deve passare è quello del cacciatore come garante degli equilibri ambientali e le fiere degli uccelli sono un mezzo per veicolare questo messaggio ma la realtà è un'altra.

In questi luoghi si passeggia tra animali chiusi in gabbia, mostrati e venduti al pubblico come merce in un lucroso evento commerciale e turistico, di evidente portata politica. Sono spesso erroneamente interpretate come manifestazioni a carattere ambientale dove poter avvicinarsi alla natura animale e vegetale: è un errore che nasce da una promozione lanciata dalle associazioni organizzatrici e da quelle venatorie che, tramite una pubblicità ingannevole, riescono a dare un significato e un’immagine irreale a questi eventi. Sono utilizzate immagini di boschi con uccelli liberi che volano e cantano ma in realtà gli uccelli detenuti nelle fiere sono strappati al loro habitat naturale o nati e cresciuti in cattività, fatti riprodurre artificialmente, rinchiusi in gabbia o legati con una zampa a un trespolo e commerciati come merce.

Gli organizzatori affermano serenamente che gli uccelli impiegati nelle fiere siano nati in cattività. A prescindere dal fatto che si possa dubitare dell'affermazione, questa non è un'attenuante alla sofferenza perché gli uccelli nati in allevamento hanno comunque diritto a essere liberi: un animale allevato è, a maggior ragione, una vittima perché non ha mai visto e conosciuto la libertà.

Una carta che giocano gli organizzatori è quella della didattica, soprattutto nei confronti di bambini e bambine, senza interrogarsi sul modello etico che stanno proponendo: mostrare uccelli reclusi e impossibiliti a fare ciò che per natura fanno, cioè volare, è fuorviante e diseducativo perché trasmette l’idea della sopraffazione dell’essere umano su altri esseri viventi indifesi. In questo modo passa l’idea che il nostro rapporto con gli animali si possa realizzare attraverso la loro prigionia e detenzione; i bambini imparano a conoscere gli uccelli attraverso le sbarre, a considerarli merce da acquistare e portare a casa trasferendoli da una prigione ambulante a una stabile. Il rispetto e la protezione degli animali liberi è invece il fondamento per attuare rapporti interspecifici di armonia e rispetto. L'insegnamento da dare è quello di osservare il volo degli uccelli, ascoltarne le melodie, avvicinarsi a loro in modo discreto. Gli uccelli dovrebbero essere osservati con gli occhi puntati al cielo invece a queste fiere gli occhi sono puntati a terra, in un desolante labirinto di sbarre: sono le occasioni per celebrare l’apoteosi della gabbia in cui vi sono, imprigionati a vita, uccelli migratori, uccelli esotici, uccelli allevati per il piacere di sentirli cantare o per fungere da richiamo per esemplari della stessa specie nella caccia da appostamento fisso.

Animali ai quali viene stravolto il ciclo vitale non sono considerati maltrattati, anzi, queste fiere hanno sempre le carte in regola nel rispetto del benessere animale che però non dovrebbe limitarsi al soddisfacimento dei bisogni fisiologici ma sulla possibilità di esprimere il proprio comportamento etologico. Ritenere un uccello in gabbia in una condizione di benessere è una presa in giro della scienza etologica, oltre che una crudeltà nei confronti dell'animale. Lo dimostrano i continui tentativi che gli uccelli in gabbia mettono in atto nel distendere le ali, allungare il collo, reggersi sulle zampe e soprattutto nel volare. Inoltre devono sopportare eventi stressogeni come il trasporto, lo scarico, la predisposizione della fiera, il flusso continuo di persone davanti alle gabbie. Chi dichiara di nutrire amore per gli uccelli ma poi lo trasforma in una pratica di possesso, non è credibile. Possedere un uccello e guardarlo dimenarsi imprigionato in una gabbia non è amore".

La protesta di Paola Re è su scala nazionale ed è contro tutti gli enti e le associazioni che organizzano manifestazioni come quella della Fiera di Perignano.

Mercato degli schiavi - 70a Fiera Primaverile degli uccelli - Sacile
16a Fiera degli Uccelli a Figline


Tag