QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
sabato 22 settembre 2018

Attualità martedì 06 marzo 2018 ore 09:30

Nutria salvata e liberata in Arno

L'animale, forse spaventato dalla piena dell'Arno, si era rifugiato nell'androne di un palazzo in via Lavagna. Catturarlo non è stato semplice



PISA — Su segnalazione della Polizia Municipale di Pisa, alle ore 13,30 di ieri i volontari Anpana Pisa sono riusciti nell'intento di catturare una nutria (meglio nota anche come castorino, Myocastor coypus) che si era nascosta all'interno dell'entrata di un condominio in via Lavagna a circa 300 metri dal fiume Arno, nel quartiere centrale di Sant'Antonio. 

La cattura non è stata affatto semplice, vista l'aggressività del mammifero roditore. Una reazione che si manifesta quando l'animale si sente in pericolo oppure è in stato di stress o ancora di paura, come in questo caso. Appena iniziate le operazioni per la cattura, la nutria ha morso prepotentemente l'attrezzo usato per spingerla dentro la gabbia. Il rischio era che aggredisse i volontari Anpana intervenuti, anche se esperti in cattura di varie specie animali, poiché appartenenti all'Nsa (Nucleo Salvamento Animali). 

Dopo circa 20 minuti, con tutte le cautele del caso, gli operatori sono riusciti a far entrare il grosso roditore nella gabbia e dopo aver verificato lo stato di salute dell'animale, come da video, hanno proceduto alla sua liberazione nel fiume Arno, nei pressi del ponte dell'Aurelia. Spesso quando il fiume è in piena, le nutrie cercano rifugio in zone asciutte con il rischio di fare una brutta fine.

"Le nutrie - hanno sottolineato da Anpana Pisa - sono roditori di grandi dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 430 e 635 mm, la lunghezza della coda tra 255 e 425 mm, la lunghezza del piede tra 120 e 150 mm, la lunghezza delle orecchie tra 25 e 30 mm ed un peso tra 5 e 10 kg, talvolta fino a 17 kg. Nel caso di ritrovamento di questi animali, si raccomanda di non toccarli e di non cercare di catturarli. Un loro morso può staccare un dito e porta malattie gravi come la rabbia e la leptospirosi. E’ necessario avvisare prontamente la Polizia Municipale o il Comune di Pisa - Direzione Ambiente, che procederà ad allertare il personale specializzato A.N.P.A.N.A. Pisa del Nucleo Salvamento Animali (NSA), oppure scrivere a 347.7687762".

kKxWgu-t_gE


Tag