QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
sabato 15 dicembre 2018

Attualità lunedì 19 marzo 2018 ore 14:28

Scoiattoli rossi, il pericolo è senza guinzaglio

Lo scoiattolo aggredito il 6 marzo scorso, ancora ricoverato

Seconda aggressione, a marzo, da parte di cani lasciati senza guinzaglio ai danni di due scoiattoli rossi. Uno è morto. E la specie è protetta



MONZA — Specie compresa tra quelle a rischio estinzione per via dell'antagonismo con l'alieno scoiattolo grigio americano e protagonista anche, per la protezione degli areali boschivi di confine, di tensioni internazionali: è lo scoiattolo rosso che però, in questa prima metà di marzo, a Monza si è trovato ad avere a che fare con un pericolo ben più immediato, ovvero i cani lasciati al parco liberi e senza guinzaglio.

Naturale: per il cane quel batuffolo di pelo in movimento scatena il predatorio. Ed ecco fatto: due gli scoiattoli vittime di cani incustoditi nel parco della Villa Reale di Monza. Il primo, aggredito il 6 marzo scorso, è tutt'ora in terapia presso Enpa Monza e Brianza, che dà notizia delle aggressioni con una nota. Il secondo esemplare, una femmina, è stato assalito il 14 marzo e non ce l'ha fatta perché, nel tentativo di mettersi in salvo, si è buttato nel laghetto. Annegando.

"La scoiattolina è morta così, e molto probabilmente moriranno anche i suoi piccoli - si legge nel comunicato di Enpa - perché aveva le mammelle gonfie di latte ed è quindi probabile che su qualche albero i suoi piccoli stiano aspettando invano il suo ritorno, destinati a seguire la triste sorte della loro mamma".



Tag