QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
Qui News animali, Cronaca, Sport, Notizie Locali animali
lunedì 23 aprile 2018

Attualità venerdì 06 aprile 2018 ore 16:32

Al rifugio Enpa biberon per le caprette

La capretta allattata dai volontari

A Pasqua doppio arrivo di due giovanissimi esemplari, trovati smarriti e portati alla larga da pentole e padelle. Una è allattata dai volontari



MONZA / SARONNO (MONZA BRIANZA) — Non c'è Pasqua che si rispetti senza caprette. Niente pentole e padelle, però, per le due arrivate al rifugio Enpa di Monza, in cui si trova anche un reparto per ovini e caprini

I due esemplari - una è una femminuccia di appena un mese allattata dai volontari col biberon - sono arrivati secondo canali differenti ma tutti nei giorni intorno a Pasqua. Il primo è stato un maschietto di giovane età trovato a Seveso da alcuni cittadini che lo hanno avvistato a terra in un campo, privo di marchio auricolare. Era lì immobile, febbricitante e magrissimo.

Il veterinario che lo ha visitato al rifugio di via San Damiano ha verificato che era affetto da dissenteria ed ha subito avviato la terapia antibiotica e vitaminica grazie alla quale si è ripreso in breve tempo.

La capretta di 30 giorni appena è invece arrivata precisa per Pasqua grazie a una staffetta solidale tra sezioni Enpa. La piccola era infatti stata portata alla sezione di Saronno che, dopo avere allertato l'azienda sanitaria territoriale e la sua sezione veterinaria, ha deciso di contattare la sezione monzese che ha struttura adeguata con tanto di codici di stalla.

"Arrivata a Monza - recita una nota di Enpa Monza e Brianza - la piccola ha subito accettato il biberon con latte di capra che i volontari, nonostante il giorno di festa, sono riusciti a recuperare in un supermercato. E per quei volontari c'è stata la grande soddisfazione di dare le prime poppate alla capretta che, in onore della presidente Enpa nazionale, è stata chiamata 'Carla Rocchi', ma con l'accento rigorosamente sulle ultime vocali, visto che si tratta di una capretta francese. Quanto al maschio, come potevamo chiamarlo secondo voi? Ovviamente Pasquale!"

Al rifugio Enpa Monza si allattano caprette


Tag